home | mappa | contatti
italiano | english
link esterno, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo


sei qui: home \ luoghi archeologici: Salerno \ Paestum


Paestum Aree archeologiche in Provincia di Salerno Aree archeologiche in Provincia di Avellino Aree archeologiche in Provincia di Benevento Aree archeologiche in Provincia di Caserta

 


testa
 

L'antica città di Paestum, situata nella parte meridionale del golfo di Salerno detto anticamente sinus paestanus, rappresenta uno dei più importanti siti archeologici d'Italia.

La città fu fondata dai Greci di Sibari intorno al 600 a.C. con il nome di Poseidonia. Sin dalla fondazione lo spazio urbano fu diviso in aree sacre, pubbliche e private. La fascia centrale della città fu destinata ad uso pubblico: nella parte Nord fu ubicato il santuario di Atena, al centro l'agorà, a Sud il santuario di Hera.

Solo negli ultimi decenni del VI sec. a.C. furono materialmente tracciate le strade e forse costruita la prima cinta muraria. Tra il 530 e il 450 a.C. furono realizzati i grandi programmi architettonici, con la costruzione dei templi dorici ancora oggi splendidamente conservati.

Alla fine del V sec. a.C. Poseidonia fu sconfitta in guerra dai Lucani, una popolazione di stirpe sannitica che si sostituì ai Greci nel governo della città. La conquista non portò modifiche sostanziali all'impianto urbano, ma da questo momento Poseidonia cambiò il nome in Paestum.

Nel 273 a.C. Roma, dopo aver sconfitto i Lucani, dedusse a Paestum una colonia latina. La trasformazione dell'assetto politico segnò radicali cambiamenti nell'organizzazione dello spazio pubblico: nella parte meridionale dell'agorà fu insediato il foro con gli edifici sacri e pubblici della colonia latina. I monumenti di età imperiale danno di Paestum l'immagine di una città di provincia con una limitata attività edilizia, già dall'inizio del II sec. d.C. avviata ad un lento quanto inarrestabile declino.

 

bibliografia essenziale

 

A.M. Ardovino, I Culti di Paestum antica e del suo territorio, Salerno 1986.

M. Cipriani, S. Nicola di Albanella Scavo di un santuario campestre nel territorio di Poseidonia-Paestum, Roma 1989.

M. Cipriani, 'Poseidonia', in E. Greco (a cura di), Gli Achei e l'identità etnica degli Achei d'Occidente, (Tekmeria,3), Paestum 2002, pp.363-389.

E. Greco - F. Longo (a cura di), Paestum. Scavi, Studi, Ricerche. Bilancio di un decennio (1988-1998), (Tekmeria,1), Paestum 2000.

E.Greco - D. Theodorescu,  Poseidonia-Paestum I - la "Curia" , Collection de l'Ecole française de Rome, Roma 1980.

E.Greco - D. Theodorescu (a cura di), Poseidonia-Paestum II - l'Agora" , Collection de l'Ecole française de Rome, Roma 1983.

E.Greco - D. Theodorescu (a cura di), Poseidonia-Paestum III - Forum Nord , Collection de l'Ecole française de Rome, Roma 1987.

E.Greco - D. Theodorescu (a cura di), Poseidonia-Paestum IV - Forum ovest-sud-est, Collection de l'Ecole française de Rome, Roma 1999.

G. Greco - B. Ferrara, Il Museo Narrante del santuario di Hera argiva alla foce del Sele, Salerno 2002.

F. Krauss, Die alte Heratempel in Paestum, Mainz am Rhein 1993.

R. Miller Ammermann, The Sanctuary of Santa Venera at Paestum II. The Votive Terracottas, University of Michigan 2002.

 J.G. Pedley - M. Torelli, The Santuary of Santa Venera at Paestum I, Roma 1993.

A. Pontrandolfo - A. Rouveret, Le Tombe dipinte a Paestum, Modena 1992.

Poseidonia, in Bibliografia Topografia della Colonizzazione Greca in Italia e nelle Isole Tirreniche (G. Nenci - G. Vallet edd.), XIV, Pisa - Roma - Napoli 1996, pp. 301-395.

M. Cipriani - F. Longo (a cura di), Poseidonia e i Lucani, Napoli 1996.

Poseidonia-Paestum, 'Atti del XXVII Convegno di Studi sulla Magna Grecia', (Taranto 1987), Napoli 1992.

P. Zancani Montuoro - U.Zanotti Bianco, Heraion I, Roma 1951.

P. Zancani Montuoro - U.Zanotti Bianco, Heraion II, Roma 1954.